+39 0294699522 info@surfatek.it
Seleziona una pagina

Lavaggio di un motore in lega d’alluminio con detergente Surfatek

Il contesto

Un’importante autofficina, ci contatta in quanto ha l’esigenza di pulire dei pezzi di motore in lega di alluminio pressofusa.
Purtroppo il cliente ha una pregressa esperienza, nella quale utilizzando un detergente non appropriato, ha intaccato e rovinato i particolari di lega di alluminio che ha lavato.

Ha la necessità di pulire a fondo il motore, rimuovendo la totalità degli oli e dei grassi presenti, senza minimamente intaccare il materiale.
Il cliente ha a disposizione una vasca ad ultrasuoni.

Cosa abbiamo fatto

Le leghe di alluminio sono molto sensibili al pH delle soluzioni lavanti, siano esse di natura alcalina che di natura acida.
Nel caso di leghe di alluminio pressofuse, questo aspetto si amplifica ancora di più, in quanto nella lega sono presenti elementi come il rame ed il silicio che la rendono ancora più sensibile.
Pertanto è di fondamentale importanza utilizzare in questi contesti dei detergenti professionali specifici.

Il cliente, come già accennato in precedenza, ha a disposizione una vasca ad ultrasuoni per poter effettuare la pulizia dei particolari.
Le vasche ad ultrasuoni, vengono normalmente utilizzate per quello che viene definito “lavaggio di precisione”; è un lavaggio molto spinto che per mezzo di immersione, consente di pulire a livello molecolare qualsiasi tipo di superficie dura.

In questi tipi di lavaggio, ci si avvale di tre fattori: il fattore chimico del detergente, il fattore fisico della temperatura ed appunto il fattore meccanico prodotto dall’ultrasuono. Un gruppo ultrasonoro, è essenzialmente costituito da un generatore che invia un segnale elettrico avente una determinata frequenza, ad un trasduttore: quest’ultimo trasforma il segnale elettrico in un’onda ultrasonora che fa cavitare il liquido attraverso la quale viene propagata.

E’ proprio l’effetto della cavitazione che consente di staccare lo sporco dalle superfici del motore da pulire, anche in punti dove sarebbe difficoltoso arrivare manualmente.
Nel caso della pulizia dei motori in fase di manutenzione, è fondamentale pulire a fondo ogni punto delle superfici, anche perché in taluni casi successivamente è necessario andare in sala metrologica per i rilievi del caso, oppure ai controlli non distruttivi per appurare se ci sono delle rotture meccaniche.

Avendo già esperienza in questo settore e potendo appunto contare sulla disponibilità della vasca ad ultrasuoni, il nostro compito è stato facilitato.
Abbiamo testato tre detergenti di normale produzione con parametri di utilizzo differenti, cercando di individuare il migliore.

Risultati

I singoli detergenti, sono stati testati a concentrazioni e temperature diverse.
Le tre prove sono state comparative:

  • siamo partiti dal 5% e gradualmente abbiamo incrementato la concentrazione al 7 e successivamente al 10%.

Abbiamo fatto la stessa cosa con la temperatura:

  • siamo partiti da 45°C e l’ abbiamo successivamente incrementata a 55°C e a 65°C.

Già dopo i primi 10 minuti di immersione i pezzi del motore risultano essere abbastanza puliti; le superfici non direttamente esposte all’azione dell’ultrasuono, come ad esempio i fori ciechi, hanno richiesto più tempo.

Il risultato migliore, su queste tipologie di sporco, l’abbiamo ottenuto con SOFTKLIN AL 90 diluito al 7% e ad una temperatura di 65°C e con un tempo di immersione di circa 20 minuti.
I contaminanti rimossi , si sono totalmente emulsionati con il detergente.

I particolari trattati si presentano perfettamente puliti, ed il colore della lega di alluminio non ha subito alcun tipo di variazione.
Abbiamo riscontrato, che è molto importante muovere verticalmente all’interno della vasca i particolari da pulire per uniformare sulle superfici l’azione dell’ultrasuono e per dare il ricambio del liquido sulle superfici dei particolari.

Cerchi un detergente simile?

Surfatek S.r.l.

Via Giacomo Leopardi 24/26,

20081, Abbiategrasso – Milano

© 2018 Surfatek S.r.l.